fonte: Stato Maggiore Esercito

Siglato l’accordo di collaborazione tra la Forza Armata e il Centro sugli studi riguardanti la dimensione terrestre.

CSE: una nuova prospettiva sul tema della Sicurezza

​Presso la Biblioteca Centrale Militare è stato firmato dal Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata, Salvatore Farina, e dal Presidente del neo costituito Centro Studi Esercito (CSE), Generale di Corpo d'Armata Enzo Stefanini,  l’accordo finalizzato ad avviare una collaborazione per lo sviluppo di contributi di carattere scientifico e di ricerca su temi rilevanti per la Forza Armata offerti dal mondo accademico e industriale sia nazionale che internazionale.

Il Capo di SME a termine della sigla del documento ha evidenziato come questo accordo rappresenti un’importante opportunità di apertura verso il mondo accademico e industriale e che consentirà di avere un’ulteriore prospettiva esterna alla Forza Armata sul tema sempre più rilevante della sicurezza.

Il Centro Studi Esercito annovera, ad oggi, tra i suoi membri, noti docenti e ricercatori provenienti non solo dal mondo accademico nazionale, come la LUISS e l’Università di Tor Vergata, ma anche da importanti realtà internazionali di settore quali l’International Global Studies, il Centre of Historical Analysis and Conflict Research, il Royal United Services Institute for Defence and Security Studies e la Marine Corps University. Inoltre, l’iniziativa vedrà collaborare al suo interno alcuni ex appartenenti alla Forza Armata che durante il loro servizio hanno maturato esperienze e professionalità rilevanti nei settori di ricerca del Centro. Particolare enfasi verrà anche data ai contributi forniti dal giovane personale in servizio su spunti di pensiero innovativi.

Le attività di ricerca del Centro verteranno su aree quali Strategia Comparata, Sistemi Terrestri ed Operazioni, Scienza, Tecnologia e Industria, Storia ed Identità Militare, Capacità dello Strumento Terrestre, Logistica dell’uomo, Cultura organizzativa militare, oltre ad altri argomenti utili allo sviluppo del pensiero dello Strumento Terrestre, e vedranno la realizzazione di un programma di lavoro che sarà aperto, con un approccio di affiliazione tipico di molti Istituti di Ricerca ed Università, anche ad altri ricercatori interessati allo sviluppo di studi e approfondimenti su tematiche di interesse comune.

I risultati delle ricerche saranno condivisi con lo Stato Maggiore dell’Esercito e rappresenteranno un punto di vista indipendente e collaterale a quanto la Forza Armata già compie nell’ambito del proprio sviluppo concettuale e capacitivo. La campagna associativa al Centro è aperta a tutti; sia per coloro i quali hanno una expertise di settore, sia al personale interessato a beneficiare della produzione scientifica ed accademica del programma di lavoro.

condividi: