fonte: COMFOP Sud

Intervento degli artificieri del  5° Genio Guastatori della Brigata "Sassari", per il disinnesco di un ordigno della Seconda Guerra Mondiale.

Sono 12 gli interventi degli artificieri della “Sassari” nel primo semestre del 2018

Gli artificieri del 5° Reggimento Genio Guastatori della Brigata "Sassari" hanno concluso oggi le operazioni di bonifica di un proietto d'artiglieria risalente al Secondo conflitto mondiale, recentemente venuto alla luce nella zona di Sestu, comune della Città Metropolitana di Cagliari.

 

A seguito della richiesta di intervento da parte della prefettura di Cagliari gli artificieri della "Sassari" sono intervenuti per mettere in sicurezza l'ordigno, potenzialmente ancora pericoloso. Il residuato bellico, un proietto d'artiglieria italiano da 100 mm caricato ad alto esplosivo, è stato ritrovato nei giorni scorsi in un deposito di materiali edili, durante la movimentazione del terreno.

 

Le operazioni di bonifica sono terminate con il brillamento dell'ordigno presso un'area sicura in una cava di pietra nella vicina zona di Monserrato. Con la bonifica odierna salgono a 12 gli interventi degli assetti specialistici della Brigata "Sassari" dall'inizio del 2018.

 

Gli artificieri dei "Diavoli Rossi" di Macomer sono gli unici preposti ad operare in questo ambito in tutta la Sardegna, garantendo alta professionalità in brevissimi tempi di risposta. Gli uomini e le donne del 5° Reggimento della "Sassari", per le peculiarità proprie dell'Arma del Genio, esprimono pienamente la capacità "Dual Use" dell'Esercito Italiano operando, oltre che per i propri compiti istituzionali in Patria ed all'estero, in supporto alle Pubbliche Istituzioni e alla comunità sarda nelle più disparate occasioni.

 

Forniscono anche un pronto e concreto servizio al Paese su tutto il territorio nazionale, laddove richiesti per esigenze particolari, come quella odierna, ma anche nelle zone colpite da terremoti, alluvioni, emergenza neve e nelle campagne antincendio.


condividi: