fonte: Comando Truppe Alpine

Condividi su Linkedin

Cambio al comando del Raggruppamento “Lombardia e Trentino Alto Adige”.

Pattugliamento e controllo del territorio per garantire una risposta pronta, flessibile ed efficace

​Si è svolto ieri, con il passaggio di consegne avvenuto tra il Colonnello Gianluca Dello Monaco (Comandante dell’8° Reggimento Genio Guastatori Paracadutisti “Folgore”) e il parigrado Ivano Marotta (Comandante del Reggimento “Piemonte Cavalleria 2°”), l’avvicendamento al comando del Raggruppamento “Lombardia e Trentino Alto Adige”, unità dell’Esercito Italiano impegnata nell’operazione “Strade Sicure”.

Negli ultimi sei mesi, gli oltre 950 uomini e donne del Raggruppamento a guida 8° Reggimento Genio Guastatori Paracadutisti “Folgore”, sono stati incessantemente impegnati in concorso alle forze di polizia per la vigilanza di infrastrutture strategiche e di siti sensibili e di interesse quali tribunali, Ambasciate, edifici religiosi, sedi istituzionali e CPR (centri di permanenza per il rimpatrio).

Le operazioni di pattugliamento e controllo del territorio, poste in essere dal personale del raggruppamento “Lombardia e Trentino Alto Adige”, hanno contribuito a garantire l’ordine pubblico e il contrasto alla criminalità assicurando una risposta pronta, flessibile ed efficace nonostante le difficoltà dovute alla pandemia da “COVID 19” e la complessa gestione dell’emergenza sanitaria.

Le numerose attività di controllo hanno permesso di identificare circa 60.000 persone, eseguire più di 100 interventi di ordine pubblico, sequestrare circa 850 grammi di sostanze stupefacenti, trarre in arresto 18 malviventi, percorrere oltre 1.000.000 di Km e compiere molti altri interventi in favore della collettività lungo le strade e in piazze, stazioni metropolitane ed aeroporti.

Questi numeri certificano l’impegno dell’Esercito Italiano, uno sforzo quotidianamente ripagato dalle attestazioni di stima e riconoscenza ricevute dalle autorità Prefettizie e dai rappresentanti degli enti locali, ma soprattutto dal senso di gratitudine dimostrato dalla popolazione residente.

condividi: