fonte: UNIFIL

Si è svolta a Shama, nell'ambito della missione UNIFIL, la cerimonia di cambio del contingente sloveno inquadrato nel Settore Ovest.

Cambio del contingente sloveno inquadrato nel Settore Ovest

​Presso la base “Millevoi” di Shama, si è svolta oggi la cerimonia di passaggio di responsabilità del contingente sloveno inquadrato nella Joint Task Force Lebanon (JTF-L) del Sector West (SW). Il comando dei Caschi Blu sloveni, presenti nel Settore Ovest dal mesedi novembre 2016, è passato dal Tenente Colonnello Tadej Sedlar al Tenente Colonnello Branko Tušar.

La cerimonia, alla presenza dell’Ambasciatore sloveno in Libano, Igor Jukic, del Chief of Staff, Force Command della Repubblica di Slovenia, Generale di Brigata Milan Žurman e dell’Addetto militare sloveno per la Difesa in Turchia e responsabile per il Libano, Tenente Colonnello Janko Šteh, è stata presieduta dal Generale di Brigata Diodato Abagnara, Comandante del SW.

Il Tenente Colonnello Sedlar ha espresso parole di gratitudine per il contingente italiano, la cui guida è attualmente affidata alla Brigata Bersaglieri Garibaldi: “Malgrado il contingente sloveno sia relativamente piccolo, ha affermato il Comandante cedente, “non potremmo essere più orgogliosi di operare, spalla a spalla, con i tutti i Caschi Blu del Settore, con l’obiettivo principale di portare pace e stabilità alla popolazione del Libano del Sud." Oltre al contingente sloveno, composto da circa 20 unità, e a quello italiano, nel Settore Ovest operano i contingenti di Armenia, Brunei, Croazia, Ghana, Irlanda, Macedonia, Malesia, Malta, Serbia, Corea del Sud e Tanzania, per un totale di circa 3700 peacekeepers.

Le forze della Leonte XXV, sono una componente fondamentale per la stabilità e la sicurezza dell’area di interesse, per il rispetto del cessate il fuoco tra Libano e Israele, l’assistenza alle Forze Armate Libanesi e il supporto alla popolazione locale. I diversi contingenti internazionali che la compongono lavorano sinergicamente sia nell’ambito dello staff del Quartier Generale di Shama, sia nell’ambito delle rispettive Task Force di manovra. La caratteristica principale è quella di operare con imparzialità e trasparenza, non solo perché lo impone il mandato delle Nazioni Unite ma anche perché il delicato mantenimento dell’equilibrio dell’area è strategicamente importante per tutto il Medio Oriente.

condividi: