fonte: COMFOP Sud

Il 3° Bersaglieri della Brigata Sassari commemora i caduti del 1941 sul fronte russo nella "Battaglia di Natale".

Ripercorse le vicende storiche e umane del 3° Bersaglieri in terra Russa nel 1941/42

​A Capo Teulada, presso la Caserma "Salvatore Pisano", il 3° Reggimento ha ricordato il sacrificio dei suoi Bersaglieri sul Fronte Russo nel 1941/42, celebrando la 75^ Commemorazione della Battaglia di Natale.

 

Alla rievocazione hanno partecipato i Sindaci dei comuni vicini, il Presidente Regionale dell'Associazione Nazionale Bersaglieri Sardegna, Giancarlo Scarteddu, numerose autorità militari e rappresentanti di altre associazioni d'arma, oltre a numerosi familiari e amici del personale del reggimento.

 

L'evento è iniziato con un'allocuzione del Colonnello Gabriele Cosimo Garau, comandante del 3° Reggimento Bersaglieri, che ha  ripercorso le vicende storiche e umane del reggimento in terra russa durante il Secondo conflitto mondiale.

 

Alcuni brani eseguiti della Banda musicale della Brigata "Sassari" hanno, quindi, preceduto la proiezione di due filmati del sulla storia e sulle attività del reggimento sia di ieri che di oggi. A seguire il Cappellano Militare, Don Giancarlo Caria, ha celebrato la Santa Messa, durante la quale è stata ricordata la figura di Don Giovanni Mazzoni, Cappellano Militare del 3° reggimento, Medaglia d'Oro al Valor Militare alla memoria, caduto proprio durante le battaglie commemorate nel corso della cerimonia odierna.

 

Nella circostanza, è stata consegnata la speciale fascia "Le note del Canto degli Italiani sulle fasce dei Capitani" sia al Colonnello Maurizio Settesoldi, in rappresentanza del Generale Gianluca Carai, attualmente impiegato quale comandante della TAAC-W in Afghanistan, sia ai Sindaci dei comuni di Teulada, Daniele Serra, e di Sant'Anna Arresi, Teresa Pintus.

 

Questo speciale riconoscimento costituisce un'iniziativa patrocinata dal CONI e dall'associazione internazionale Lions Club, finalizzata alla promozione del Vessillo nazionale e alla divulgazione della storia dell'Inno di Mameli, come da partitura autografa del Maestro Michele Novaro. Al termine dell'evento si è svolto il tradizionale saggio ginnico, una dimostrazione di forza e agilità tipica dei bersaglieri, seguito da una dimostrazione del Metodo di Combattimento Militare.


condividi: