fonte: COMFOP NORD

I reparti di Cavalleria sfilano a Vittorio Veneto in occasione del Raduno Nazionale dell’Arma di Cavalleria.

I Lancieri di Montebello "caricano" a Vittorio Veneto

Il fine settimana scorso la città di Vittorio Veneto ha ospitato il 45° Raduno Nazionale dell'Arma di Cavalleria.

 

Il comune trevigiano, teatro della omonima e determinante battaglia per la fine del primo conflitto mondiale, combattuta tra il 24 ottobre e il 3 novembre 1918, ha voluto rinsaldare, nell'anno del Centenario della Vittoria, il legame con le Associazioni d'Arme, ospitando altre analoghe manifestazioni che, in costante collaborazione con l'Esercito, hanno come obiettivo comune quello di tramandare la memoria di quanti hanno sacrificato la propria vita per l'unità nazionale.

 

Apice dell'evento la sfilata che ha percorso Viale della Vittoria protagonisti, la Fanfara e lo Squadrone a Cavallo del reggimento "Lancieri di Montebello", la batteria a cavallo del reggimento "Voloire", con al traino un pezzo d'artiglieria storico perfettamente funzionante, una pattuglia di cavalieri in uniforme storica dei Lancieri di Firenze, rappresentanze delle diverse associazioni combattentistiche e quasi 3000 radunisti. Presente alla cerimonia gli stendardi del "Genova Cavalleria", "Piemonte Cavalleria", "Lancieri di Novara" e la Bandiera di Guerra del 32° reggimento Carri, la Fanfara della Brigata di Cavalleria "Pozzuolo del Friuli" e uno Squadrone composto da personale del reggimento Genova Cavalleria, unico reparto ad avere ottenuto due Medaglie d'Oro al Valor Militare per lo stesso fatto d'arme.

 

Lo sfilamento dei reparti in armi e dei radunisti in viale della Vittoria, è stato preceduto dalla lettura del messaggio augurale del Presidente della Repubblica e dagli interventi conclusivi delle autorità. Il Sindaco Tonon ha voluto ricordare come sia stato determinate il contributo del "Genova Cavalleria" e dei "Lancieri di Novara" 100 anni fa (in poche ore persero metà dei propri effettivi) nel permettere, dopo Caporetto, il ritiro dell'Esercito sul Piave. Il Presidente dell'ANAC, Associazione Nazionale Arma di Cavalleria, Alipio Mugnaioni, ha voluto ripetere, come da tradizione, gli ordini della carica di cavalleria per ricordare quanti sono caduti in battaglia. Infine il Generale Paolo Gerometta, nel suo intervento, ha voluto porre l'attenzione sui valori caratteristici dell'Arma di Cavalleria: il rispetto, la generosità, la cortesia, l'autodisciplina che ieri come oggi sono alla base del vivere quotidiano e senza i quali,  non esiste libertà.  Al termine, il commosso  passaggio del cavallo scosso, a ricordo di tutti i caduti, accompagnato dal 95enne Sergente Giancarlo Cioffi, reduce della carica di Isbuscenskij del 24 agosto 1942.

 

Numerose le autorità intervenute tra cui il Comandante la Brigata di Cavalleria "Pozzuolo del Friuli", Generale di Brigata Giovanni Parmiggiani, molti sindaci della Provincia di Treviso, rappresentanti delle Forze dell'Ordine

 

Il sabato precedente un pubblico emozionato ha potuto assistere al celebre carosello di lance, saggio delle abilità equestri dello Squadrone a cavallo dei Lancieri di Montebello e del reggimento artiglieria a cavallo "Voloire", con l'accompagnamento musicale della Fanfara a cavallo del Montebello, interamente composta da cavalli dal manto grigio. Una rassegna unica per l'elevato livello tecnico, ed espressione delle capacità dei militari che hanno eseguito una serie di movimenti coordinati e complessi, effettuati governando il cavallo con la sola mano sinistra e impugnando con la destra la lancia in legno di frassino, l'arma di oltre due metri con cui la cavalleria si scagliava in massa caricando l'avversario.

 

Al grido poi dell'ordine di "Caricat" i cavalieri si sono lanciati nella fedele riproduzione della celebre carica della battaglia combattuta il 20 maggio 1859 nei pressi di Montebello, da qui il nome del reggimento, che segnò una vittoria fondamentale verso l'Unità d'Italia.

 

Suggestivi i colpi a salve, sparati dai militari del "Voloire", il reggimento di Artiglieria Terrestre "a Cavallo", utilizzando il cannone storico al loro seguito.

Attualmente Esercito Italiano impegna più di 7000 soldati al fine di garantire il controllo sul territorio nazionale, nelle piazze delle principali aree metropolitane e nei siti sensibili, con l'operazione "Strade Sicure", alcuni di questi sono Cavalieri. 


condividi: