Personale





Asse portante  e vero cardine dell'intera Istituzione verso cui si indirizzano iniziative volte a bilanciare gli impegni di carattere istituzionale con le esigenze del singolo e delle loro famiglie. Una particolare  attenzione è stata e dovrà continuare a essere posta sulle attività finalizzate al ringiovanimento della componente operativa con una politica di reclutamenti volta a incentivare i giovani ad affrontare un periodo di ferma nelle Forze Armate.

Una strategia affiancata da ulteriori provvedimenti attuati o in "cantiere",  come: l'impiego dei Graduati più anziani in posizioni previste per Sottufficiali; la costituzione di specifiche unità con "compiti"  di pubblica utilità; il trasferimento, su base volontaria, ad altre Amministrazioni. Per quanto riguarda il benessere dei suoi militari, l 'Esercito persegue da sempre una politica che coniuga meritocrazia e trasparenza con la tutela dei rapporti  familiari e della salute.

Un impegno,  quest'ultimo, testimoniato altresì dall'attenzione nella prevenzione di infortuni e malattie professionali nonché dall'attività di supporto psicologico.




PROVVEDIMENTI ADOTTATI
  • "Io sono un Soldato". Presentazione e commercializzazione. Disposta la distribuzione dell'agenda "Io sono un Soldato" agli allievi di ogni categoria e la sua commercializzazione,   quale   annesso   alla   Rivista   Militare,   per   valorizzare   l'editoriadell'Esercito e promuovere l'immagine istituzionale della Forza Armata.

  • Supporto alla Narrativa di Reparto. Istituito un vademecum sulla Narrativa di Reparto con l'obiettivo di far redigere a ciascun Ente una narrativa interna, quanto più possibile positiva e condivisa, al fine di supportare il senso di identificazione, la coesione, la condivisione della missione e delle sue regole, nonché l'appartenenza al gruppo.

  • Fidelizzazione del personale non più in servizio attivo. Al fine di mantenere saldi e vivi i rapporti con il personale dell'Esercito non più in servizio attivo, disposta l'attivazione di una campagna di informazione dedicata a livello periferico riguardante aggiornamenti sui progetti della Forza Armata e sugli Organismi di Protezione Sociale operanti sul territorio nazionale.

  • Promozione dei reclutamenti. Approvate le linee d'azione per contrastare il trend negativo che ha recentemente interessato i reclutamenti di VFP1 in F.A. attraverso una più efficace azione comunicativa, l'abbassamento dei costi concorsuali, maggiori interazioni con il target audience di riferimento.

  • Progetto VFP 3/6. Proposta di legge. Redatta la proposta di legge afferente al nuovo modello di Volontario in Ferma Prefissata che prevede una ferma iniziale di 3 anni e, previo superamento di un concorso per titoli ed esami, la possibile estensione di ulteriori 3 anni per accedere al servizio permanente, fatto salvo il mantenimento dei requisiti. Ciò al fine di ottenere una maggiore flessibilità di impiego, una riduzione della ferma prefissata complessiva (dagli 11 anni medi attuali a 6 anni) e il conseguente abbassamento dell'età media dei VSP.

  • Ricollocamento del personale congedato. Workshop del 22 gennaio 2020. Svolto un workshop sul tema del ricollocamento professionale del personale militare congedato senza demerito al fine di individuare soluzioni per agevolarne il transito nel mondo del lavoro, attraverso la stipula di apposite convenzioni con agenzie del lavoro e l'attivazione di idonei percorsi formativi loro dedicati.

  • Ricongiungimenti  familiari  e  avvicendamento  ai  luoghi  originari  per  i  Graduati  e  i Militari di Truppa dell'Esercito Italiano. A seguito della possibilità offerta di esprimere la "disponibilità al movimento", nel 2018 sono state accolte, secondo criteri di meritocrazia e trasparenza, 1058 candidature che hanno accresciuto il livello di benessere del personale e risolto, o quantomeno mitigare, situazioni di disagio personale o familiare.

  • Denominazioni  dei  gradi  e  della  nuova  qualifica  apicale  dei  Graduati  e  Sergenti  e Marescialli. Formalizzata al Capo di SMD la proposta della nuova nomenclatura dei gradi dell'Esercito con la finalità di correlare quanto più possibile i nuovi gradi alla cultura storica e militare e valorizzare la figura degli interessati accostando la nuova denominazione al ruolo di maggiore responsabilità richiesta con la graduale progressione di carriera.

  • Modifica  della  composizione  della  Commissione  Superiore  d'Avanzamento  (CSA),  in un'ottica di maggiore rappresentatività. Su proposta dello SME, con d.lgs. n. 173 del 27.12.19 disposta la modifica dell'art. 1037 del COM riguardante la composizione della CSA.

  • Revisione dello sviluppo dell'iter formativo degli ufficiali RN. A partire dall'accademico 2021/2022 (202° Corso) disposto che gli Ufficiali del Corpo di Commissariato e dell'Arma TRAMAT siano indirizzati rispettivamente a corsi di laurea in giurisprudenza e in ingegneria. Per le Varie Armi permane allo studio una revisione dell'attuale percorso universitario che conferisca alla laurea in Scienze Strategiche una maggiore connotazione scientifico-ingegneristica.

  • Collaborazione tra lo Stato Maggiore Esercito e la LUISS Guido Carli. Approvato  un  percorso  formativo  teorico-pratico  a  favore  degli  studenti  della  LUISS denominato "Cultura della Difesa e Cooperazione Internazionale", nell'ambito del più ampio Accordo Quadro con la citata Università, che permette di beneficiare di Master e corsi post- lauream erogati dall'Ateneo a soddisfacimento delle prioritarie esigenze formative correlate con l'impiego del personale dell'Esercito.

  • Attribuzione del Comando di compagnia nel grado di Maggiore. Disposto l'impiego di Ufficiali nel grado di Maggiore quali Comandanti di cp./sqd./btr./rep. cdo/servizi/spt.gen./logistico con lo scopo di garantire, nei Reparti complessi, Cti di unità dotati di congrue capacità ed esperienza consentendo, al tempo stesso, la crescita professionale dei Tenenti impiegati negli incarichi di Cte pl./Vice Cte cp.

  • Disposta la sostituzione, per determinati incarichi, di Ufficiali e Sottufficiali con Sottufficiali e Graduati particolarmente capaci.

  • Sviluppo di una Web App e di una Web Radio dell'Esercito.

  • Pubblicazione del diario "io sono un Soldato" che illustra i principali valori della vita militare.

  • Fornito  allo  Stato  Maggiore  della  Difesa  un contributo sui ricongiungimenti familiari e avvicinamento ai luoghi originari del personale militare

  • Linee guida del Capo di SME ai Comandanti di Brigata e di Comandi d'Arma.

  • Diramate disposizioni sull'uso corretto dei Social Network da parte del personale militare

  • Disposta pianificazione d’impiego triennale trasparente del personale.

  • Disposizioni per la valorizzazione del personale VSP, Sergenti e Marescialli con maturata esperienza.

  • Diramate disposizioni sull’attività di comando di cp./btr./sqd.

  • Direttiva sulla valutazione del personale.

  • Direttiva 1008 “Attività espositive per la promozione dei reclutamenti” – Ed. 2018.

  • Linee guida per i Comandanti sulle attività per la prevenzione del fenomeno del mobbing.

  • Linee guida per i Comandanti sulle attività per la prevenzione e il contrasto degli atti di autolesionismo.

  • Disposizioni e relazione sui ricongiungimenti famigliari.

  • Direttiva sui rapporti con le organizzazioni sindacali.

  • Direttiva sui provvedimenti urgenti inerenti al personale della Sanità militare dell’EI

  • Direttiva sulla cura e decoro dell’uniforme, degli accessori e degli equipaggiamenti.

  • Linee guida su azioni di comando e controllo a Cti B. e rgt.